Esplora / Posts Passati

Newsletter Iscriviti

Olimpiadi rivelati

A daretu à i sceni fighjate à i Ghjochi Olimpichi di Tokyo 2020 cum'è dettu da PD Olympic Climber, Sean McColl

Diventà un olimpiacu hè statu un scopu per a vita, è a mo sperienza in Giappone l'aostu passatu hè unu di i mo migliori successi in scalata. Eru diventatu u primu canadianu à qualificà cum'è scalatore olimpico, è eccu eccu, in capu à i Ghjochi Olimpichi, pensendu chì sapia ciò chì seria. Ùn pudia esse più sbagliatu.

Aviu passatu anni à visualizà stu mumentu è ciò chì saria esse in l'Olimpiadi. Cum'è tanti altri, ùn aghju mai aspittatu chì una pandemia glubale diventerà a forza motrice di a più grande celebrazione sportiva di u mondu è ùn aghju mai pussutu calculà l'impattu ch'ella avaria in u mo viaghju olimpico.

Dicemu solu chì a furmazione per i Ghjochi era interessante. Mi sò abituatu à a furmazione in Europa, induve ci hè un forte focusu nantu à l'arrampicata di cumpetizione. Cù restrizioni di viaghju in u mondu, mi sò lasciatu à furmà in i gimnasti di a maiò Vancouver. Mentre chì ci sò alcuni grandi gimnasti in Vancouver, sò largamente destinati à l'alpinisti di fitness. Per furmà à un livellu d'elite, avete bisognu di una facilità pensata per l'atleti di l'elite, è aghju trovu chì vulia è avè bisognu di più. Aghju decisu di custruisce u mo propiu muru è stabilisce e mo rotte. A grotta ch'e aghju custruitu hà furnitu alcuni di i migliori furmazioni chì aghju trovu durante i chjusi di COVID. Eppuru, aghju luttatu per truvà u mo ritmu è mette a mo testa in u ghjocu, è aghju capitu chì a mo furmazione ùn andava bè. A volte, a caverna si sentia cum'è una prigiò. Eru motivatu per i Ghjochi Olimpichi, ma a furmazione attraversu Covid ùn era micca divertente. 

Mi sò qualificatu per i Ghjochi Olimpichi di Tokyo 2020 cù Alannah Yip, un amicu di zitiddina chì hè cresciutu accantu à mè in North Vancouver. U nostru pod COVID includeu Andrew Wilson, un anzianu coach chì Team Canada avia sceltu per aiutà à preparà. Avemu avutu a storia è sapia chì avemu travagliatu bè inseme. A nostra poda era stretta; avemu seguitu i protokolli, purtendu e nostre maschere tuttu u tempu, è avemu agitu cum'è una squadra. Malgradu i nostri sforzi, a furmazione ùn era micca un prucessu divertente cum'è normalment. Esse più forte è scalate sò ciò chì mi piace. Aghju alluntanatu tutte e mo frustrazioni è i pinsamenti negativi è aghju travagliatu per stà focu annantu à andà à l'Olimpiadi. In l'ultime settimane prima di i Ghjochi, mi era ricurdatu ogni ghjornu chì un test COVID pusitivu significaria chì u mo debutu cum'è scalatore olimpico seria finitu prima ch'ella sia mai cuminciata. Era una nuvola folle chì oscurava a luce à a fine di un tunnel assai scuru. A mo priorità numero unu duveria esse in a mo furmazione è preparazione, è invece, si trattava di ùn avè micca COVID.


"Avemu saputu chì queste Olimpiadi seranu assai sfarente di i Ghjochi passati, è sapemu ciò chì avemu firmatu. U tempu è u sforzu per diventà un alpinista olimpico hè difficiuli di descriverà, è tuttu finiria rapidamente s'ellu ùn seguitamu micca strettamente e regule ".

Sean McColl, scalatore olimpico

Arrivatu in Giappone era surreale. Eramu permessi solu in l'autobus di a squadra, in e nostre camere, in a sala di pranzu, è in Aomi Urban Sports Park. Eccu. Ùn eramu micca permessi in ogni locu o per vede alcunu di l'altri sporti. 

Dittu chistu, quandu aghju ghjuntu in u paese per a prima volta, era spettaculare. U rispettu mutuale trà tutti l'atleti è l'entrenatori hè stata a più bona parte. Tutti in u paese anu sacrificatu per esse quì, per qualificà, è per furmà à traversu COVID. Eru fieru di esse quì, rapprisentanu l'alpinismo è rapprisentanu u Canada ! Aghju aghjustatu rapidamente in una rutina di ogni ghjornu chì includeva u svegliu à 10 ore, sputendu in un tubu per pruvà COVID, è uttene cibo. Pigliaraghju l'autobus à u parcu di u sportu, trenu, stende, ripiglià l'autobus in u paese, manghja è riposu. 

U ghjornu di a cumpetizione era un infernu di corsa. Ùn aghju micca vistu i mo cuncurrenti in 18 mesi, è ùn sapia micca cumu fà contru à u campu. Ùn era micca bè cum'è avia bisognu. Ùn pudia micca furmà a manera chì avia bisognu di furmà, è ùn era micca u scalatore chì era statu 18 mesi prima. Ùn era micca cusì bè chì avia bisognu à esse quellu ghjornu in Tokyo. U mo viaghju olimpico hà cunsumatu 2.5 anni folli, è era finitu in un lampu. 


Ma, ci era un rivestimentu d'argentu à a mo sperienza olimpica. Parechje persone ùn sanu micca chì in più di esse un scalatore olimpico, aghju avutu un altru rolu in Tokyo. À l'epica, era sempre u presidente di a Cummissione di l'Atleti di l'IFSC, è avemu avutu a nutizia chì u presidente di u CIO, u sgiò Thomas Bach, pensava di vene à Aomi Urban Sports Park è fighjà a finale di l'omi. Aghju avutu l'uppurtunità di pusà cù u sgiò Bach mentre fighjulà a finale di u piombu è spiegà ciò chì passava nantu à u muru. Hà capitu assai rapidamente, è cum'è l'alpinista austriacu Jakob Schubert hà iniziatu a so strada, m'hà dumandatu cumu pensava chì faria quella notte. Aghju guardatu à u mo amicu Jakob è hà dettu: "Pensu chì ghjunghjerà à a cima". Uni pochi minuti dopu, Jakob hà calatu da u tiratu finale, l'unicu atleta à a cima di a strada, guadagnendu una medaglia di Bronzu à u debut olimpico di l'escalata. 

Avà in casa torna in Canada, hè piacevule per riflette nantu à u mo Viaghju Olimpicu. Sò tantu grata è felice chì l'Olimpiadi sò veramente accaduti è chì aghju da esse una parte di u debut di l'alpinismo. Ancu s'ellu ùn era micca u mo megliu ghjornu cum'è scalatore di cumpetizione, era a mo prima volta cum'è scalatore olimpico, è se mi dassi a scelta di passà per tuttu di novu, certamenti l'aghju da fà.